News

Polonia: “Pacchetto del trasporto” per impedire frodi al sistema di imposte

Polonia: “Pacchetto del trasporto” per impedire frodi al sistema di imposte

Il 9 marzo 2017 in Polonia ha preso il via il cosiddetto “Pacchetto del trasporto” per impedire frodi al sistema di imposte. Una specifica legge in vigore dal 18 aprile impone un sistema di monitoraggio del trasporto stradale di merci progettato per eliminare completamente le lacune nel sistema di riscossione delle tasse.

12 maggio 2017

Il 9 marzo 2017 in Polonia ha preso il via il cosiddetto “Pacchetto del trasporto” per impedire frodi al sistema di imposte.

Una specifica legge in vigore dal 18 aprile impone un sistema di monitoraggio del trasporto stradale di merci progettato per eliminare completamente le lacune nel sistema di riscossione delle tasse.

Questa legge definisce norme e responsabilità per qualsiasi inadempienza rispetto alle obbligazioni relative al trasporto su strada di alcune merci con alto rischio di frode fiscale, definite pertanto "sensibili", come i carburanti, l’alcool ed il tabacco (esiste una classificazione ufficiale dei beni e servizi in cui viene indicata l’imposta che va applicata).

 

La legge prescrive la creazione di un registro elettronico al quale tre diversi soggetti devono poter accedere per inviare notifiche: l'entità mittente, l'entità ricevente ed il vettore (trasportatore).

L’entità mittente è obbligata prima dell'inizio del trasporto di merci a:

  • registrare il trasporto corrispondente quando si tratta di un trasporto interno in Polonia, o se il trasporto inizia in Polonia, presentando una notifica al registro elettronico;
  • ottenere un numero di riferimento per questa notifica;
  • fornire questo numero di riferimento al vettore per completarlo con i suoi dati.

L’entità ricevente deve registrare il trasporto corrispondente quando la destinazione del trasporto è in Polonia. Anche in questo caso è necessario fornire al vettore il numero di riferimento a completamento dei suoi dati.

Il vettore (trasportatore) è obbligato a realizzare la sua dichiarazione quando il trasporto inizia e termina al di fuori dei confini polacchi, vale a dire in caso di transito attraverso la Polonia.

NOTA BENE: sebbene il vettore debba solamente registrare il trasporto in caso di transito attraverso la Polonia, negli altri due casi è comunque tenuto a completare la dichiarazione con i suoi dati! Pertanto il vettore (conducente) deve tenere con sé la documentazione relativa ai beni e deve poter indicare il numero di riferimento del registro.

Si ricorda che non sono soggetti a questa legge:

  • gli invii effettuati per posta ordinaria rispettando il sistema EMCS;
  • i prodotti soggetti al commercio con paesi terzi al di fuori dell’Unione Europea già dichiarati alla dogana;
  • i prodotti che saranno, per qualche ragione, esportati una seconda volta già dichiarati alla dogana.

 

Quali sono le multe in caso di mancata comunicazione?

Le multe sono differenziate a seconda del soggetto che è tenuto ad effettuare la comunicazione al registro di trasporto: mittente, destinatario o vettore.

Nel caso del trasportatore, la multa per non registrare il trasporto quando lo si deve fare sono 20.000zl (€ 5.000 circa), la multa per non aver completato i dati riportanti nella dichiarazione è 5000zl (1.250 €).

La legge stabilisce l’inizio delle sanzioni a partire dal 1° maggio.

Attualmente non sappiamo se effettivamente stanno avvenendo controlli e sanzionamenti.

 

 

Il sistema SENT per la “merce sensibile”

Il servizio “e-Przewóz” (“e-Carriage”) è uno dei servizi elettronici forniti dall’Amministrazione Nazionale delle Entrate tramite il portale dei servizi elettronici del Servizio Tasse e Dogane (PUESC).

Il servizio “e-Carriage” consente all’entità che inviano e all’entità che ricevono la merce, i vettori ed i conducenti, di adempiere agli obblighi di legge.

Accedendo per la prima volta in questo registro elettronico, si deve creare un account a nome di una persona fisica (indicando il nome, il cognome, un documento d’identità ed una e-mail). Per il vettore, il trasportatore, questi dati sono sufficienti per registrarsi (in caso di mittente e/o di destinatario è un po’ più complicato).

La persona fisica che deve registrarsi può essere il rappresentante della società oppure un collaboratore designato.

Tach Controller sta lavorando ad una soluzione affinché sia possibile accedere al registro direttamente tramite il Truck Controller.

 

 

Tutte le informazioni ed i formulari elettronici sono reperibili, in lingua inglese, a questo indirizzo https://test.puesc.gov.pl/en/web/puesc/e-przewoz

Le FAQ sul sistema qui

Ultime News

CORRETTO FISSAGGIO DEL CARICO

CORRETTO FISSAGGIO DEL CARICO

Poco più di un mese all’entrata in vigore del Decreto ministeriale numero 215 del 19 maggio 2017 che recepisce la Direttiva 2014/47/UE in materia di corretto fissaggio del carico.

more
FLEET MANAGEMENT E SERVIZI STRATEGICI: LA NOSTRA SOLUZIONE A 360°

FLEET MANAGEMENT E SERVIZI STRATEGICI: LA NOSTRA SOLUZIONE A 360°

Le aziende di trasporto operano in uno scenario estremamente complicato e competitivo. Molteplici sono le sfide e le preoccupazioni di chi gestisce una flotta di veicoli e l’esigenza continua di minimizzare i costi ed ottimizzare la qualità dei servizi rappresenta condizione irrinunciabile.

more
Notificazione dei verbali di accertamento delle violazioni del codice della strada tramite PEC.

Notificazione dei verbali di accertamento delle violazioni del codice della strada tramite PEC.

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministro dell’Interno del 18 dicembre 2017 che attua la parte del Codice relativa alla notifica delle multe stradali.

more